Storia del comune

ROCCAPALUMBA, dista dal capoluogo 60 km; sorge ai piedi di una caratteristica grande roccia (La Rocca, m 600) con pareti e spaccature, frequentate dai piccioni selvatici (Columba livia). Alla base della Rocca è la chiesa moderna della Madonna della Luce. Il paese ha profuso negli ultimi anni impegno nella divulgazione dell'astronomia: in paese è un planetario e nel limitrofo borgo di Regalgioffoli in contrada Pizzo Suaro, è sorto un osservatorio astronomico con un potente telescopio, inserito nella Rete degli Osservatori Popolari d'Italia. Presso la ex scuola elementare di Regalgioffoli è stato aperto un centro di divulgazione astronomica che conserva un elioplanetografo, l'antenato meccanico del planetario: usato a fini didattici, riproduce il moto reale dei pianeti, della Luna e del Sole. relativamente alle costellazioni. Visualizza anche l'alternarsi del giorno e della notte, il succedersi delle stagioni, le eclissi, le fasi della Luna e dei pianeti interni e la precessione degli equinozi.